Category: cultura come se piovesse


"Antisemitismo? Pffff..."

L’assassino di Tolosa, quello che ha ucciso a sangue freddo una bambina di sette, un insegnante e un uomo coi due figli piccoli, tutti in una scuola ebraica, è stato identificato come lo stesso uomo che, alcuni giorni prima, aveva ucciso tre militari. Il mondo dello sbroc, dalle frange salottiere a quelle dei CSOA, prima dell’identificazione, era percorso da un brivido palpabile. La stampa tirava fuori articoli grondanti retorica sull’orrore del nazismo, i campi di sterminio, le risposte sbagliate ai tempi della crisi, la ricerca del capro espiatorio, l’ebreo capro espiatorio per eccellenza, funziona sempre, non dimentichiamo, c’è un movimento neonazi in giro per l’Europa che rischia di guadagnare terreno, guardate lo sciroccato Casseri di Firenze, dobbiamo stare vigili, stare attenti, non dimenticare! Il che, sia chiaro, è tutto giusto e sacrosanto. Solo che tutta questa tensione, alimentata dalla silenziosa preghiera stile “fa’ che sia stato un biondo neonazi del Front National, fa’ che sia stato un biondo neonazi del Front National, fa che sia…”,  è poi evaportata in un colossale meh, con una certa coda di imbarazzo e di dimentichiamo tutto va’. Perché, come ormai sapete tutti, l’assassino si chiamava Mohammed Merah, non era di fattezze molto ariane, era musulmano, jihadista e ha fatto quel che ha fatto per vendicare i boveri balesdinesi.  Ohibò. Un bel cortocircuito.

Sulla rete, ma vedrai che pure al bar, tu chiedessi a tanti insospettabili...

Mohammed Merah ora è stato freddato dalle teste di cuoio e io. in tutta onestà. me ne rallegro. Intanto ieri su Facebook c’era già una pagina, subito rimossa prima che potessi prendere uno screencap, che inneggiava a lui e invitava a boicottare Israele. Prossimamente si dirà che Merah è innocente ed è stato vittima delle lobby sioniste che hanno inscenato tutto grazie alle scie chimiche. E così, il soggetto unico responsabile di questi omicidi passa rapidamente in secondo piano, di fronte al SIONISMO.

Sì, era un terrorista.
Sì, ha ucciso, ma per vendicare i boveri balesdinesi.
Sì, i terroristi che uccidono gli innocenti sbagliano, ma la causa è giusta.
Sì, la causa è giusta perché se Israele non li opprimesse sarebbero tranquilli.
Sì, Isreale è nostro alleato ed è parte del Ricco Occidente.

E’ COLPA NOSTRA.

L’illogica sequenza di assiomi di cui sopra è impeccabile nella sua demenza assoluta, ma è molto vera ed illustra perfettamente la forma mentis di tutte le numerosissime teste di cazzo a pile che ragionano ancora in termini di “colpe collettive”, come un qualsiasi gruppo di mongoloidi estremisti extraparlamentari degli anni ’70. Dimenticano o ignorano, tutti costoro, la figura di Sayid Qutb, principale ideologo di quell’ammasso di merda di dimetrodonte che va sotto il nome di Fratelli Musulmani, cioè invasati che dichiarano jihad all’occidente senza sè e senza ma da prima che esistesse lo stato di Israele (dal 1928, per la precisione). Allora, perché non si parla di “stragi qutbiane”? Perché non dire chiaro e tondo che si tratta di gente che passa le ferie in Merdistan o in Assghanistan a studiare nelle madrasse, ovvero le scuole islamiche, quelle dove uno va con lo scopo evidente di diventare ancora più ignorante, ottuso e testa di cazzo di prima? Perché posso concedere che sia la loro cultura,eh, ma è un cultura di merda che produce intellettuali come Sayid Qutb, movimenti come i Fratelli Musulmani e partiti come Hamas, nel cui statuto si rifiuta esplicitamente la trattativa e la diplomazia e si invita alla jihad senza tregua fino alla fine dell’odiato Occidente e alla gloria di Allah. E non sono movimenti e ideologie minoritarie, ma largamente diffuse a livello transnazionale.

Prendiamo ora la foto qui sopra. Se qualcuno la postasse su Facebook, dicendo che si tratta di un festino erotico di qualche depravato israeliano che fa frustare bovere donne balesdinesi rapite nottetempo dalla Striscia di Gazzzza per il sollazzo dei presenti, tutti ricchissimi ebrei, cosa succederebbe? Beh, ora questa immagine qui è chiaramente parte di un servizio fotografico molto glamour e quindi si parte male. Ma il senso è: qualsiasi accoppiata “foto cruenta” + “connessione a Israele” viene creduta e ribloggata in maniera automatica e universale. E’ praticamente impossibile, per Israele, difendersi da questo meccanismo, e quando sbaglia il casino aumenta. Perché Israele mirerebbe a bersagli militari, e purtroppo capitano gli errori. Civili blastati etc. I boveri balesdinesi mirano invece a bersagli civili, ma chissà come mai le voci e le fole più assurde su Israele (l’ultima che ho sentito: mira sulle zone a più alta natalità) sono date subito per buone, mentre gli attentati in scuole, autobus, discoteche, mercati e i missili sulle zone civili (mai contro carri armati ed esercito, mi raccomando!) da parte palestinese destano poca attenzione se va bene, approvazione plateale altrimenti. Non dev’essere facile mantenere la calma.

La morale di tutto ciò? Non lo so, ma non si può uscire da un simile ginepraio di discorsi a cazzo senza stabilire chiaramente le responsabilità. E se Israele può essere aggressiva e fare stronzate, ed essere pure stato ricco e con l’appoggio occidentale etc., questo non esime la Bovera Balesdina dalla sua natura: un paese sottosviluppato e arretrato, con un governo dichiaratamente pro-terrorismo, armato e rifornito dal resto del Merdistan in funzione antioccidentale. Personalmente non crederò mai ai progressi della Palestina finché la Palestina non manderà via a calci in culo Hamas e non si alleerà con Israele – sarebbe l’inquivocabile prova che, finalmente, qualcosa è davvero cambiato. Perché la grossa responsabilità del cambio la ascrivo al sottosviluppato, che è innanzitutto colpevole di sottosviluppo. Già. Se per esempio uno arriva qui dal Merdistan, e non arriva a capire che stando in un mondo diverso non può scotennare la figlia perché si mette la minogonna, allora è proprio un ottuso animale senza speranza e alla pena per omicidio dovrebbe aggiungersi l’aggravante del sottosviluppo. E lo stato, in maniera SECOLARE, dovrebbe troncare tutti i tipi di ingerenza religiosa nella vita civile: di qualsiasi religione, cattolica, cristiana, ebraica, merdistana. Non creare regole ad hoc che soddisfino l’uno per cento dell’elettorato post-marxista filocoranico radical-sbroc che compiange i poveri terroristi che poi uccidono sì ma solo perché noi siamo tanto cattivi.

No, veramente, non c’ho voglia, però qualche perla a voi porci (con rispetto per i suini) devo darla ogni tanto, altrimenti il blog si spopola. Ebbene, una perla è che finalmente esce Spell Eater degli Huntress. Suonano metal classico, ma ci aggiungono la crudeltà sonora e concettuale che il black metal ha sempre cercato – senza successo, ovviamente, perché in genere i blackmetalz sono delle gran teste di baccalà norvegesi che, se non si fossero sfogati col trucco da panda e le mazze chiodate, sarebbero tutti nelle patrie galere per omicidio di omosessuale, negro o musulmano. Gli Huntress invece sono bravi e californiani e hanno una cantante che pare Janet Agren, quindi scusate ma è un no-contest. Ok, data questa notizia, ripartiamo con lo shuffl’in.

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

E ciuì ciuì ciuì ciuì ciuì ci
E ciuì ciuì ciuì ciuì ci

… (ad lib)

E’ polemica nel mondo della cvltvra. In un articolo del Corriere Pietro Citati (che fino all’altro ieri non avevo mai sentito nominare, per la cronaca) si lancia in un raglio sulla decadenza letteraria del tempo presente. Uso il termine raglio perché, contenutisticamente parlando, Citati spiattella una sequela di banalità del tipo una volta qui era tutta campagna, che tempi, signora mia, i giovani non hanno più rispetto. Dice che in Italia si legge poco e male, e a vendere di più sono libracci merdosi di gente tipi Coelho, Faletti (qui la sua patetica risposta) e Brown, che sarebbero addirittura dannosi. Sinceramente, l’analisi mi pare deboluccia e indimostrabile. Non perché detti libri non facciano schifo (lo fanno), non perché non siano best seller (lo sono), ma perché l’argomento avrebbe meritato uno studio più approfondito. Citati dice che lettori e autori siano peggiorati negli ultimi quarant’anni; unica prova a sostegno, il grande successo riscosso da libri tipo L’Insostenibile Leggerezza Dell’Essere di Milan Kundera e Le Nozze di Cadmo e Armonia di Roberto Calasso. Dimentica, Citati, che il grande successo del primo (tra parentesi, una cagata che ci sta ritta una vanga) fu conseguenza del film uscito tre anni dopo; del secondo, che non ho mai letto, omette di dire che si vende bene ancora oggi, e presumo non agli stessi che lo comprarono già al tempo. Dimentica pure che per es. Umberto Eco, che pubblichi romanzi o saggi, vende sempre un sacco. Cosa più importante, però, Citati appartiene all’infausta generazione di intellettuali che hanno partecipato direttamente all’orrenda decade ’68-’77 rimanendone per sempre intrappolati – loro hanno fatto tutto, chi li ha seguiti è uno stronzo. Pare che Pasolini sia l’intellettuale più influente sul pensiero italiano degli ultimi quarant’anni, guarda caso, e si vede: era retrogrado e provinciale lui da vivo, figurati chi continua a restare nel suo cono d’ombra.

Citati sembra sceso dalla Luna e non tener conto di quanto il mondo sia cambiato da quei bei tempi che c’era i tirannosauri. Tanto per iniziare,“la classifica di Tuttolibri è realizzata dalla società Nielsen Bookscan, analizzando i dati delle copie vendute ogni settimana, raccolti in un campione di 1100 librerie. Si assegnano i 100 punti al titolo più venduto tra le novità. Tutti gli altri sono calcolati in proporzione.” (es.)  Quindi il rilevamento non tiene conto delle librerie online, che vendono un sacco. Citati si lamenta pure dei classici che non si vendono, ma i classici te li ritrovi periodicamente allegati a questo o quel quotidiano, quindi trovano larga diffusione senza passare dalla libreria. Non abbiamo ancora dati relativi alle vendite dei lettori di eBook, che consentirebbero agli angloalfabetizzati di accedere ad una marea di roba, fra cui classici a sfare GRATIS – una via che l’Italia, terra retrograda per antonomasia, sembra restia a percorrere. Non è fisico, non lo pago, l’odore della carta, giammai. E qui mi vien da pensare che, di libri, se ne pubblicano ogni giorno una marea. Gli scaffali sono obesi. Ci sono libri del passato e libri del presentissimo. Una volta non si pubblicavano neppure così tanti libri, oggi si investe molto sul libro di quello famoso: un comico mediocre, un calciatore, un personalità radiotelevisiva vengono invitata a scrivere istant-book di successo immediato potendo contare su una fan-base enorme. E’ assai probabile che nei mmmmmitici anni ’60 e ’70 tutti quelli che oggi comprano i libri dei comici di Zelig o di Fabio Volo non avrebbero semplicemente mai letto nulla, perché non c’era niente di simile. Cioè, un calciatore calciava, un presentatore radio o tv presentava radio o tv, nessun editore li contattava per un libro. Oggi il business ha preso questa piega, questo investimento miope ad alta resa, e finché dura andrà avanti. Non è certo questione di “Zelig e il Grande Fratello e X Factor che rimbecilliscono la gggente”. Semplicemente, sono nati prodotti librarii per chi normalmente di leggere se ne frega, e fanno leva sul fattore celebrità.

A questo punto potremmo chiederci, come mai in Italia rispetto a X, Y e Z si legge così poco? Credo che molto dipenda dall’approccio cafonal alla cultura che si ha qui da noi: la cultura è innanzitutto un mezzo di distinzione sociale, solo in seguito e se siamo particolarmente fortunati un piacere. Qualche tempo fa avevo scritto un post dedicato proprio a ‘sta roba: eccolo qui. La reazione al cafonal culturale è che molti rifuggono i libri, associandoli pavlovianamente alla noia della scuola e a gente particolarmente saccente e rompicoglioni incapace di rilassarsi e farsi un ballino di cazzi suoi. Quando poi esce il libro del comico di Zelig che li fa ridere allora ci ripensano, e magari entrano nel tunnel del libromerda.

Come si collega tutto ciò al fenomeno dell’analfabetismo evidenziato da questo articolo (Il Sole24h)? In due passi. Il primo smentisce categoricamente la storia dei Poteri Che Ti Vogliono Rincoglionire. Il governo ha dato al cittadino quel che ha voluto: tutti laureati. Per farlo, ha dovuto rendere la selettività della scuola sempre più bassa, dalle elementari fino all’università, col risultato di avere i famosi mille mila laureati a spasso. Inevitabile: non hanno nessun mezzo culturale per comprendere ciò che li circonda. Cavolo, c’è un dottorando dalle mie parti che parla un italiano riprovevole, e non vi dico lo scritto. A logica, non avrebbe mai dovuto arrivare alla laurea, figuriamoci al dottorato, senza padroneggiare un italiano di base corretto. Eppure, tutte le famiglie d’Italia hanno creduto nel mito dell’ascensore sociale all’infinito, tutte le famiglie d’Italia hanno voluto i figli laureati che non debbano più fare i lavoracci manuali, e lo stato li ha accontentati. Uniamoci una classe intellettuale stravecchia stile Citati, volta a contemplare il passato e a rifiutare il presente, che viene comunque ammirata anziché ricoperta di pece e piume in quanto vecchia e superata, e la situazione di stasi appare inevitabile. Il presente fa schifo, il passato era meraviglioso, è tutta colpa dei politici e della tv. Ahah, sicuri? Perché secondo me è essenzialmente colpa vostra.

Ieri sera ho visto, quasi per caso, la trasmissione di Chiambretti. Divertente, come più o meno sempre. Lui mi resta simpatico. Poi c’ha Forest e quindi meglio. Poi c’era anche Bar Rafaeli, il che vuol dire che posso farvi il seguente test:

Cosa pensi di Bar Rafaeli da Chiambretti?
a) Bòna.
b) Fa caa’.
c) Sta a vedere è tutta una manovra della lobby giudeo-pluto-israeliana per enfatizzare il giorno della Memoria e la menzogna dell’Olocausto con cui si giustifica il genocidio dei palestinesi! Chiambretti sionista! Arrigoni è vivo e lotta in mezzo a noi! No pasaran! El pueblo unido!!1!

Se hai risposto a), o equivalenti, tutto ok. Se hai risposto b), o equivalenti, tutto ok uguale, alla fine sono gusti. Se hai risposto c), o equivalenti, beh, sei un coglione ma di quelli duri come le pigne verdi, eh. Estinguiti.

C’è stato, comunque, un gigantesco momento WTF nella trasmissione di Chiambretti. Alla fine c’era ospite (scusate il termine) Mario Borghezio. Di fronte a lui una platea di persone, più la giuria del programma, lì apposta per fare domande scomode ad un personaggio quantomeno controverso. Bene, il livello delle domande e degli interventi di questi idioti era tale che Borghezio è quello che c’è passato meglio; ha fatto una scanagliata solo alla fine, peraltro molto soft rispetto al becero urlare degli altri spastici.

Perché poi quando si parla di tv vien sempre fuori questa storia del degrado. Il degrado, qualora sia divertente, è sempre una cosa ben accetta. Il degrado noioso invece proprio no. Per esempio, qualche sera fa, cena con genitori amici parenti. Una commensale: “L’altra sera ho visto XXX, vi piace?”. Risposta di un’altra, con espressione lievemente schifata: “No, io guardo solo La7.” Capirete che odiare La7 sia un atto di resistenza culturale, un dovere, un imperativo categorico. C’è chi auspica la distruzione fisica dell’emittente, magari assieme a Rai3. Se a caldo viene da dire “Sììììì!” decollando giulivi sul nostro F35 finanziato con soldi sottratti al FUS (o almeno lo spero vivamente) alla volta della redazione di Telecom Italia Media, a freddo invece no. E’ un bene che queste tv esistano perché così i vari Santori hanno il loro bel box. Altrimenti Facebook sarebbe invasa da mobilitazioni pro-Santoro, filmanti che non vi fanno vedere in tv, indignazioni permanenti etc etc. Sai che palle?

Ah, la tv. Cagione d’ogni male. Essendo una persona priva di buon gusto, tatto, creanza e desiderio di far da modello per il prossimo, nei momenti di zapping in tv mi capita di fermarmi qualora siano in esposizione delle pvppe. Gli autori dei videoclippi lo sanno bene, è infatti per questo che conosco quasi tutti gli hit di Rihanna, Beyoncè, Katy Perry etc. Poi che siano meglio di tantissima roba che si fregia di essere fieramente anticommerciale va da sè: solo un mentecatto può preferire Steven Wilson a Katy Perry, e parlo proprio della musica.

Tutto ciò, naturalmente, ha delle pesanti ricadute sulla mia vita sociale: cioè, è molto migliore, perché il giro degli sbroc mi ritiene indegno dei loro consessi e quindi non mi chiama. Allo stesso modo, la community bacchettona mi ritiene parimenti indegno, e dunque me ne sto in compagnia di derelitti miei pari, tipo i Morlock nella serie degli X-Men. Posso sintetizzare tutto ciò in un insegnamento molto prezioso: non è bello ciò che è bello, e tu’ ma’ è un gran budello.

Per parecchio tempo, lo dico senza alcun problema, ho seguito il blog di Gamberetta e l’ho fatto pure con una certa ammirazione. La sua critica puntuale e feroce di un sacco di spazzatura fantasy, soprattutto made in Italy, metteva in luce tutta una serie di falle che bucano l’intero spettro del panorama letterario nostrano. Falle piuttosto gravi, deducibili dalla pubblicazione di vari cessi di libri, tipo:

1) Scrittori che non sanno scrivere e non hanno la minima cura della propria opera;
2) Un universo di addetti ai lavori assolutamente carente e menefreghista che non svolge alcun compito di editing, di revisione, e butta tutto sul mercato così com’è, tanto vende se c’ha abbastanza draghi in copertina;
3) Una malafede assoluta da parte di grandi e rinomati curatori di testata, che si sono arrampicati sugli specchi in tutti i peggio modi per difendere l’indifendibile.

Da questo punto di vista, Gamberetta è stata molto più acuta e vincente di qualsiasi wuminghio.  La sua critica al testo e al mondo del fantastico è stata, nella sua prima fase, molto stimolante, e gliene do atto, anche se immagino ci si pulisca allegramente il culo. Tuttavia ho iniziato pure, dopo un po’, a rompermi i coglioni. Sia per l’acredine sempre maggiore con cui attaccava gli scrittori (ok, io non sono esattamente il re del bon ton, ma almeno il mio tono resta spesso scherzoso – credo), e intendo proprio le persone, sia per un dogmatismo che è emerso con il passare del tempo e ha messo in evidenza i limiti della critica gamberettistica.

Far vedere controesempi di come si dovrebbe scrivere una scena pietosa è ok. Consigliare manuali di scrittura ok. Impostare il discorso sulla pratica dello show, don’t tell pure. Quando però si scende nel fondamentalismo, un po’ meno. Perché la prima premessa alla base del gamberettismo è che fantasy/sci-fi siano essenzialmente letteratura di storie e idee, e quindi sia necessaria, sufficiente, indispensabile una prosa asciutta che permetta a storie e idee di far scivolare il lettore all’interno con la massima naturalezza – presupponendo anche la coerenza interna dell’ambientazione, delle azioni/reazioni descritte etc etc. Di per sé, sarebbe anche tutto a posto. Ma è uno dei modi possibili di scrivere fanta(sy/scienza), il modo asciutto, diretto, realista, heinleiniano di cui peraltro sono un grande sostenitore. Non è l’unico, però. Perché il punto è che lo stile di scrittura dipende da cosa voglia ottenere lo scrittore. Se io volessi scrivere di futuro filtrandolo attraverso la lente del mito, come se fosse visto da un futuro ancora ulteriore e quindi dargli una patina di leggenda e un tono di divertita nostalgia senza bradburysmi, dovrei scegliere attentamente le parole, descrivere in un certo modo, scegliere il giusto tono dei dialoghi etc etc, allontanandomi da una prosa secca e tagliente. Dovrei andare non in direzione di Heinlein, ma guarda caso in quella di Cordwainer Smith. Non so se Gamberetta conosca Cordwainer Smith, ma immagino lo troverebbe una merda, perché di secco, tagliente e realistico ha poco. Ed è così perché fa il necessario per scrivere al meglio il SUO libro, secondo la SUA personale estetica. Possiamo dire se ci riesce o meno – per quanto mi riguarda, ci riesce eccome. Trovo che il grande autore si riconosca anche per questo: fa capire quale sia la sua estetica durante la lettura stessa, e la mette in pratica nel migliore dei modi. Sembra questo il grande limite della critica gamberettistica, condito dall’ossessione per i manuali di scrittura presi come oracoli, tipo “così non si fa, leggi un po’ cosa dice Seth Putnam a pag. 345 del suo manuale Writing Fiction Is Gay!!!1!” Oggi siamo alle guerre dei cloni: senza volerlo, si è formata una frangia di psicotici gamberettiani molto peggiori dell’originale.

Ci sono alcuni appunti che mi viene da fare. Il primo forse deriva dalla mia scarsissima sopportazione del dolore e il conseguente ribrezzo per il sadomasochismo: non sarebbe impiegare il tempo per segnalare ciò che si ritiene meritevole, spiegando perché e percome e tutto il resto, anziché spararsi tonnellate di merda? Visto che le recensioni sono del tutto volontarie (cioè senza il dovere di cronaca immediata da periodico), credo sia più costruttivo impiegare le energie per segnalare ciò che merita. Mutatis mutandis, è la linea che seguo assieme agli amici su Free Fall, per esempio. Il secondo è che i gamberettisti si riproducono velocemente. Ancora un po’ e formeranno una genia di lettori che misurano con riga e compasso Jack Vance decretandone la merdità perché non è conforme allo standard ISO9000 dello Show Don’t Tell e alle norme evidenziate nell’Infallible Book On Writing di W.R. Iter.

Infine, un’ultima notarella. Nel giro del Gamberame si fanno spesso confronti fra Narrativa e Literary Fiction, individuando nella prima la cosiddetta narrativa “di genere” e nella seconda tutto ciò che si bea di essere Letteratura, fatta di stile autocompiaciuto per far sentire colto e intelligente chi legge. Trovo queste distinzioni un po’ troppo forzate, e se vogliamo far sì che la narrativa del fantastico abbia il rispetto che si merita (e se ne merita un bel po’), ci vorrebbe un ragionamento di tipo inclusivo, non steccati e recinti sempre più labirintici. Se la criticaccia snob e prevenuta fa uno sbaglio, reagire con lo sbaglio di segno uguale e contrario la mi sembra una hazzatha.

Lotta all’evasione fiscale.
Mario Monti in realtà è negro.
Sono le banche e le lobby del signoraggio che ci incatenano al petrolio, perché in realtà potremmo andare con le auto ad aria compressa che non sprecano e non inquinano.
I cani e i gatti domestici dovrebbero diventare tutti vegetariani.

Tutto questo e molto di più (ma non ci scommetterei mica tanto, eh) nei prossimi aggiornaggi, che qui s’è battuta giustamente la fiacca, ma ora è teNpo di tornare in attività. Intanto:

E ricordate che, se il rock sta male e Gino Castaldo frigna perché Occupy Wall Street non è rappresentata in classifica da un inno generazionale come succedeva per i grandi moti di protesta di quando lui stesso aveva sedici anni (all’incirca, nel 1923), è tutta colpa dei Muse, que’ finocchiacci.

I fatti di Firenze, dopo la discussione del brillantissimo e acuto post precedente, non meriterebbero altra discussione. Purtuttavia, nell’aere si respira un’aria malsana. E, in maniera del tutto irresponsabile e incivile, non mi riferisco tanto al montante clima di razzismo sempre più esplicito e brutale. Credo sia un effetto collaterale dei momenti di crisi e incertezza: la torta si restringe e allora qualcuno ha l’idea di allontanare gli ultimi arrivati, per paura di ricevere una fetta fin troppo piccola. Una paura che si ripresenta con puntualità e che trova sempre terreno fertile, oggi come ieri, e dunque non voglio discutere. Ora, in futuro chissà. Mi interessava invece come questi fatti abbiano riverberato nel mondo, piccolo e micragnoso, della letteratura fantastica italiana e di che altarini e imbarazzi siano saltati fuori.

Riassuntino rapido rapido: il pistoiese Gianluca Casseri, appassionato di Tolkien & Lovecraft, scrittore di un romanzo e saggi online, simpatizzante di Casapound e frequentatore di siti e forum di estrema dx, piglia la pistola, va a Firenze, spara ad un gruppo di negri uccidendone un paio, e poi si suicida.

Dovrebbe essere sufficiente l’ultima frase per classificare Casseri come folle pericoloso testa di cazzo in primis, e razzista in secundis, perché di tutte le persone presenti in piazza Dalmazia ha mirato proprio agli ambulanti senegalesi, con cui non aveva mai avuto contatti personali, quindi erano bersagli simbolici. Questa storia però non è certo morta lì, ha anzi scoperchiato un vaso di Pandora dove si annidano cialtroni, equivoci, coscienze sporche e calzini sottaceto.

Stampa e giornali hanno subito ricorso al luogo comune di grande successo, la costruzione del Deviato Mostruo: frequenta il fantastico, vedrai è un nerd, pare pure nazifascio, certo è un individuo strampalato perso nel suo mondo – i morti sono rapidamente spariti di scena per lasciar spazio alla mitologia classica del Deviato, lasciando a intendere che forse forse se Casseri era quel che era vedrai è anche colpa delle sue frequentazioni culturali, c’aveva pure un film di Callahan in casa, voglio dire, no? E’ quello che Davide Mana ha brillantemente esplorato e approfondito in questo post, quindi vi rimando a lui.

Parallelamente. Lara Manni, scrittrice e bloggatrice che finora non conoscevo, ha sollevato un interrogativo: in Italia c’è sempre questa pessima opinione di fantasy e fantastico in generale, dipinti al meglio come escapismo senza valore artistico e al peggio come surrogati del Mein Kampf, ma non è che un qualche fondo di verità, dovuto a certi pessimi maestri e non ai libri in sè, ci sia? Se pensiamo alla storia editoriale italiana del Signore Degli Anelli (tanto si torna sempre lì), la risposta è affermativa. A partire dall’astrusa prefazione di Elemire Zolla, che parla di letture allegoriche e simboliche in maniera tanto forzata e arbitraria da far pensare che stia parlando di qualche altro libro, lo scatafascio si è compiuto ineluttabile. Poco importa che ormai i Campi Hobbit siano una reliquia del passato che solo Natalia Aspesi tira fuori quando vuole criticare Tolkien attraverso Peter Jackson. La frattura causata da quella prefazione e dalle tristi vicende degli orrendi anni ’70 hanno visto la critica di Tolkien (e di tutto il resto del settore), in Italia, come terreno esclusivo di un gruppo ristretto capeggiato da Gianfranco De Turris. E qui comincia il brutto, perché De Turris se possibile fa peggio di Zolla: forza una lettura evoliana del SDA. De Turris frequentava quel coglione di Evola e ne condivide le idee mongoloidi. Da lì a dare una lettura rigidamente tradizionale, anzi, Tradizionale ed Esoterica del SDA il passo è brevissimo e quel che restava della cristalleria va in frantumi.

Occorre notare a questo punto come i legami siano stretti e aggrovigliolati:

– Il Signore Degli Anelli e Tolkien sono ormai considerati roba di dx perché l’unica critica che si occupa di loro è rappresentata da De Turris e compagnia.

– De Turris è seguace di Evola (Tradizione, Teoria della Razza e merda simile), e ne applica il pensiero a quelli che, a detta sua, sono Simboli Universali inconsciamente inseriti da Tolkien nel suo libro. Il fatto che Tolkien stesso lo negasse con decisione è, per De Turris, un’ulteriore conferma: son cose talmente profonde e vere che uno non se ne rende conto.

– De Turris ha pure scritto la prefazione a due libri di Casseri, riportando in uno l’opinione del suo mentore Evola che sì, i Protocolli dei Savi di Sion sono falsi, ma dicono cose vere, e quel che succede nel mondo oggi ne è una prova scie chimiche signoraggio, insomma, siamo in piena zona Blondet.

– Casseri, elogiato da De Turris e conferenziere sul fantastico in varie occasioni, avrà esposto tesi simili. O quantomeno non in contraddizione. Era anche un membro molto attivo di forum di estrema destra suprematista bianca e violentemente antisemita, che all’indomani del fattaccio hanno subito rimosso tutto per minimizzare, è solo un simpatizzante come tanti, e purtroppo era pazzo.

In realtà, se uno andasse a vedere i forum tipo Stormfront (non linko simile merda), di teste di cazzo che difendono Casseri ne trova finché ne vuole. Alcuni di questi condivideranno pure l’humus culturale De Turris/Casseri, nella misura in cui questi ultimi sostengono/sostenevano le teorie di Evola – nazismo appena paludato. Ed è quindi probabile che amino fantasy etc. nella stessa misura, aderendo all’interpretazione di De Turris. E here falls the donkey, perché questa interpretazione è una volta di più una cazzata, ma è stata coltivata e monopolizzata per talmente tanti anni da esser data per buona (“gli unici che ne parlano sono quei critici e intellettuali di estrema dx, vedrai che…”), e solo qui. Perché nel resto del mondo Tolkien, piaccia o meno non importa, è studiato criticamente e dibattuto. Le teorie di De Turris, strumentali e superficiali, non hanno alcun terreno. Qui sono l’unica cosa che c’è, complice la noncuranza da parte dell’editore, perché probabilmente Tolkien si vede senza sforzo e non saranno due prefazioni o testi critici fatti a cazzo a cambiare le cose, e complice la critica letteraria che decide volontariamente di snobbare e deridere uno dei settori più interessanti della letteratura dell’ultimo secolo. Questo deserto non fa bene a nessuno: alimenta la superstizione del fantastico roba per citrulloni neonazisti dando ragione a Natalia Aspesi, rende l’Italia arretrata e provinciale pure in questo settore, e per ultimo fa malissimo alla letteratura stessa.

Non solo: la famosa correlazione con la violenza, a cosa la possiamo attribuire? A hobby e passioni, o alla fede in ideologie che predicano lo sterminio degli inferiori, fede condivisa con altre persone che non vedono niente di male in pestaggi e organizzazioni di gruppi paramilitari?

Uff. Chiudiamo in bellezza:

Ah, in tutto il post, prendete un po’ Tolkien come improprio e ingiusto sinonimo di tutto ciò che è fantasy e fantastico e fantascienza. Un po’ perché da noi si tende a fare di tutta l’erba un nazifascio, un po’ perché la discussione partiva da lì ma per semplificare faccio così lo so che poi ci sono un fracco di cose etc etc insomma capito, no?

Negli scorsi mesi m’è capitato di leggere dichiarazioni piuttosto strampalate da parte di industriali e potentoni vari. Strampalate non tanto per deficienza o eccentricità, quanto piuttosto per un retrogusto che inizialmente non riuscivo a decifrare – troppo bourbon la sera prima, forse. Il retrogusto di queste parole, profferite pure se non erro da un giornalista di dx di cui ora non mi viene il nome ma chissene, ha scatenato una serie di associazioni di idee nelle mie synapsi, da “?” a città sottomarine art deco a tute da palombaro col braccio trivellante al fantastico riff di Anthem dei Rush ad Atlante che si leva la Terra dalle spalle, la tira via con un calcio e dice “toh, vaffanculo, ora son cazzi vostri, dio cane!” E poi un gigantesco WTF che finisce in zona ma guarda, chi l’avrebbe mai detto. Eh, di che cazzo parlo, insomma, vero?

Parlo di quella corrente di pensiero politico/economica tipica del mondo angloamericano, quella libertarian, che da noi bene o male non esiste. Il pensiero libertarian, suppongo suddiviso in un rivolo di correnti ma chissenefrega, è essenzialmente il turbocapitalismo spinto alla miliardesima. Sostiene che il governo debba limitarsi al minimo indispensabile (tipo stampare le banconote e garantirne il valore), e che poi carta bianchissima vada lasciata agli imprenditorissimi, ai Creatori di Ricchezza che portano il peso di tutto sulle spalle e con le loro grandissime idee potrebbero garantire ogni bene solo che lo stato con le tasse gli rompe sempre i coglioni e loro comunque non ne hanno colpa se i poveracci son poveracci, si vede che se lo sono meritato proprio come loro si sono meritati l’Empireo. Questo tipo di pensiero trova un certo peso negli States, ai margini estremi dei repubblicani, perché nella loro dialettica politica ha sempre avuto grossa importanza il confronto Individuo vs. Stato, cioè quanto debba intromettersi il secondo nella sfera del primo. E’ questa la differenza sostanziale fra Repubblicani e Democratici: semplificando moltissimo, i primi, in linea teorica i più vicini alla costituzione, vogliono più libertà (economica = d’impresa) rispetto ai secondi, convinti che certe cose tipo gli apparati del welfare dovrebbero essere pubbliche, o quantomeno esistere pure pubbliche e di buona qualità. Repubblicani e Democratici hanno al loro interno varie correnti e le loro proposte ovviamente cambiano a seconda dei periodi storici, tuttavia è questa la distinzione fondamentale. I libertarian, oggi inglobati nel movimento dei Tea Parties (sorta di Lega Nord americana), hanno una posizione totalmente ideologica e mongoloide almeno quanto quella del fantasma che si aggirava per l’Europa. Perché invocano non solo lo stato leggero e la piazza affari sgombra e via vincoli e via tutto, ma sono pure dell’idea che non esista alcuna responsabilità sociale. Cioè, il Creatore di Ricchezza offre ai mortali il lavoro nella sua aziendona, lui la gestisce tipo squalo contro questo e quel concorrente, per sopravvivere in momenti di difficoltà licenzia in massa e butta sul lastrico perché tanto lui non è responsabile della pezzenza, e semmai alla fine può vendere tutto, comprare, speculare etc etc. Tassazioni per assicurare welfare etc? Precisi obblighi e vincoli nelle manovre finanziarie per evitare ripercussioni sociali pesanti? Giammai, e che ci può fare lui, se i poveri sono poveri (e vedrai qualcuno sarà pure negro)?

Identificare il puzzo libertarian dietro certe chiacchiere non mi è stato difficile, perché conosco Ayn Rand, la sciroccata scrittrice che è diventata un po’ l’eminenza grigia di queste robe. Il Gino Strada dei libertari, come dice Yossarian. Prendete tutta la pappardella che ho scritto lì sopra ed estendentela in maniera sia filosofica che romanzesca, e più o meno ci siamo. La Rand ha condensato le sue idee nel libro Atlas Shrugged, in italiano La Rivolta di Atlante, che presso i libertari è una sorta di bibbia. Un anno e mezzo fa, per curiosità, ho provato pure a leggerlo, ma è scritto in modo così pedante e noioso che mi sono fermato prima di pagina 200, cioè a meno di un quarto. Lo so che è poco, ma che palle, che ci posso fare? E la Rand l’ho conosciuta grazie ai Rush, che nei primi anni di carriera ci si erano ispirati un paio di volte, in canzoni come Anthem e 2112. Neil Peart, batterista e autore dei testi, all’epoca ci si era fissato, salvo poi evolvere le sue posizioni verso un individualismo responsabile e contrario ad ogni egualitarismo forzato e bovino in nome del politicamente corretto – si potrebbe dire che, da una dubbia filosofa e pessima scrittrice come Ayn Rand, Peart abbia abbracciato poi tre cervelli e scrittori immensamente più fini quali Mark Twain, Sinclair Lewis e Robert Heinlein. In tempi più recenti avevo ritrovato tracce randiste in Bioshock, il bellissimo videogioco ambientato in una città sottomarina fondata su principi randisti e ormai fuori controllo – al giocatore il compito di capire bene cosa sia successo e la scelta su cosa fare per uscirne.

La puzza dell’ideologia libertarian oggi è nell’aria. Si sente quando i vari hedge fundersz o quel che sono disastrano mercati e restano impuniti. Quando confindustriali vari chiedono esenzioni fiscali perché altrimenti non possono riavviare l’economia – in maniera ipocrita, perché poi vogliono che lo stato tenga fuori gli stranieri che altrimenti li butterebbero in mezzo alla strada in sei mesi. Quando si vuole potere senza responsabilità, ma per il tuo bene, che ti credi, coglione, tipo certe uscite di certi tipi là in Inghilterra che fosse per loro risaremmo tutti ai tempi di Dickens. Quando tutte queste cose, è un vero peccato che certa gente non possa essere decapitata in piazza. Poi dio zombi, guardali lì: più si fanno catastrofi economiche a catena, più vogliono prebende. Senso della realtà e della decenza meno di zero, come quelli del Circolo Maoista Stalinista di Gombitelli, che però hanno il non trascurabile pregio di essere inoffensivi (ok, tranne se t’attaccano i soliti pipponi clamorosi).

I sani valori dell'amicizia virile propugnati dai movimenti neonazi

Ebbene, ebbbbbbene, una tragoedìa ha colpito, ancora una volta, i sani movimenti ispirati ai principi di una volta. E’ accaduto che un baldo giovanotto, amante del Veri Valori, del Cristianesimo (e di Aggesuggristo), era stufo di vedere questa invasione di islamici, negri e finocchiacci nella sua Norvegia bella, e armatosi di fucile semiautomatico ha deciso di far piazza pulita di un fracco di sostenitori dei negri. Ha, semplicemente, difeso il suo paese dal pericolo, come ogni buon patriota dovrebbe fare, no? Il tipo norsko, purtroppo, ha infranto la legge perché l’arma non era, a quanto sembra, dichiarata, ma non si può aver tutto dalla vita. Fiori di philosofi umanisti contemporanei della maggior levatura, da Mario Borghezio (politico illuminato) a Varg Vikernes (musicista di grandissimo talento), solidarizzano con il povero ragazzo, e fossimo in lui non potremmo fare altro che essere commossi dagli attestati di stima di siffatti cervelli fini. Il Papa non ha ancora trovato le parole per esprimere le sue sensazioni sull’argomento, ma lo comprendiamo: Gioia ed Entusiasmo non sempre facilmente traducibili in lettere, come tutta la problematica teoretica-filosofica del Sublime, che da secoli attanaglia l’umanità.

Fra tutti i commenti di insigni insigniti, val la pena di riportare le opinioni di John Neonazi, fondatore del Movimento Neonazi. Egli infatti sostiene che questa strage sia davvero grave perché infama il buon nome delle organizazzioni europee di estrema destra, che giammai sono aduse alla violenza. L’eroico norreno meglio avrebbe fatto ad avvelenare gli acquedotti, senza attirare l’attenzione. “Tra l’altro è evidente che l’orientamento della stampa è tutto teso a screditare il nostro ambiente”, aggiunge Neonazi. “Di sicuro tutti quei giornalisti, nel corso delle loro vite, hanno sicuramente incontrato almeno un ebreo, quindi voglio dire… due più due…” Un importante chiave di lettura dell’argomento arriva pure a Peterangel Firethrower, insigne cosologo, che dice “La Tradizione, insomma, non si pone mai il biblico problema di raddrizzare il legno storto dell’umanità. Quello è affar vostro. La Tradizione, appunto, non è biblica e soprattutto non ammira Churchill. Piuttosto contempla il Sole. E il Carro di Krsna.” Madonna puttana, ci sentiamo liberi di aggiungere noialtri.

In effetti, è ora di bbbasta, ewwywa la Tradizione col Sole e Krsna col suo carro. Perché Julius Evola scrisse Rivolta Contro Il Mondo Moderno perché nel mondo moderno lui che era brutto come lo merda non lo caava nessuno, nel Mondo Antico in quanto Barone avrebbe avuto fie a sfa’ e lo ius primae noctis. Perché la Tradizione è fare le cazzate che diceva il nonno.

Ogni scusa è buona

Ora, io non è che abbia i mezzi per poter analizzare la questione del Minnesota in bancarotta. Mi manca la cultura economica o quel che è per poter azzardare previsioni, quindi taccio. Posso solo consigliarvi un link. E pure un altro, toh. Faccio solo un discorso tangenziale, nel senso di partito per la tangente.

Prendete un muro bianco. Inzaccheratelo con una sgommata di merda a 700atm, tipo quando vi ingurgitate una betoniera di lenticchie per capodanno. La sgommata di merda fa schifo, e si vede bene. Non si è visto altrettanto bene quanto le utopie sbroc sbroc fossero altrettanto puzzolenti e schifide. Le Visioni Utopostiche volevano rimpiazzare una società esistente con una nuova, forzando un modello teorico sull’esistente costi quel che costi. Una classe intellettuale che elabora un’ideologia, un numero sufficientemente ampio di persone già inserite nell’apparato statale e mediatico (burocrati, funzionari, esercito, giornalisti) pronti a supportare la Causa e a continuare la propria opera dopo il passaggio di consegne, una popolazione che abbraccia la nuova ideologia e si butta di testa a fare carne da cannone, per ottenere infine la sostituzione di un Sistema con un altro Sistema, identico nelle sue caratteristiche di base, diverso nei dettagli organizzativi e, a seconda della particolare contigenza storica-economica, migliore o peggiore per le condizioni di vita medie della gente: è questa, schematicamente, la meccanica di ogni Rivoluzione. Quel piccolo, fenomenale libro che è “Universo” di Robert Heinlein la tratteggia in maniera concisa ed elegante.

Dovendo io valutare la performance di un sistema di governo, io mi baso essenzialmente sulla diffusione del benessere. Il sistema che riesce a garantire un livello di vita dignitoso al più alto numero possibile di persone è il migliore, fine. Se i cittadini governati stile X in media se la passano meglio di quelli in stile Y, vuol dire che il sistema X è migliore e tanti saluti al cazzo. Venendo all’ultimo secolo, è evidente come nel mondo occidentale capitalista si vivesse meglio che nei paesi comunisti, che erano pezzenti fino al midollo. Di conseguenza, fatta piazza pulita di tutte le fumisterie e tutti i discorsi a cazzo possibili e immaginabili, il comunismo è una teoria di merda visto che ogni sua singola applicazione ha prodotto solo merda. Qualcuno vi dirà che “non è vero comunismo”: allora quello vero non esiste, o lo si attende millenaristicamente, tipo il messia, oppure si può riformulare il tutto come “il problema ‘il comunismo è una figata?'” è indecidibile”. Sia come sia, l’evidenza sperimentale dice merda.

Naturalmente, da noi non è tutto rose e fiori, lo sappiamo bene. Le nazioni capitaliste si basano essenzialmente sull’interazione fra Stato e libertà dei privati: ci vuole necessariamente uno stato che garantisca la moneta e la proprietà, amministri la giustizia, detti le regole etc etc, insomma determini i confini del lecito e dell’illecito e consenta la libertà del singolo nel rispetto del benessere generale e tutte queste cose. Soprattutto, uno stato ideale dovrebbe fare in modo che il massimo numero possibile di cittadini nei limiti delle risorse disponibili possa vivere nel modo più dignitoso – cioè, dovrebbe cercare di massimizzare il gradiente di benessere all’interno dei vincoli imposti dalla situazione attuale. Un algoritmo di simplesso, ecco, il cui ottimo è la situazione in cui lo stato:

– riesce a garantire il pane al più grande numero possibile di persone;
– non impedisce, a chi può, di pasteggiare con l’aragosta;
– fa sì che l’esistenza dei mangiaragosta non danneggi in alcun modo i mangiapane;
– fa sì che un mangiapane possa diventare un mangiaragosta;
– se un mangiaragosta non può più permettersi l’aragosta, tuttavia il pane lo avrà; starà a lui tornare o meno fra i mangiaragosta.

E’ una semplificazione bruta ma rende, forse, l’idea di stato che media fra benessere comune e realizzazione individuale; il secondo, quando prende la forma di scalata alla ricchezza, deve essere limitato nella misura in cui la sua totale libertà possa ledere al benessere della popolazione. Insomma, col potere deve arrivare la responsabilità, e quindi le penali e le leggi per punire comportamente irresponsabili e potenzialmente distruttivi.

Quello che ho detto mi pare abbastanza ragionevole, più vicino ad una concezione pratica che ad una utopistica dello stato. E puntare al pratico è senz’altro più fattibile. Lo stato, in sostanza, dovrebbe essere rapido a cannoneggiare quelle condotte dei privati che hanno ripercussioni negative e sproporzionate su grandi numeri di persone. Dovrebbe impedire a borse, hedge fund e robe del genere di tirare stati interi in mezzo alla strada: cioè, finché il casinò lo fanno i singoli broker gli uni contro gli altri che me ne frega, se ci vanno di mezzo un sacco di persone, anche per conseguenze indirette, no. E’ qui che entra in gioco l’altra grossa ideologia, quella del Mercato Libero Ad Ogni Costo e della Mano Invisibile e dei Creatori di Ricchezza che, lasciati liberi di fare il cazzo che gli pare portano solo benefici a tutti. E’ una posizione tanto ottusa e ideologizzata quanto il comunismo e lo stato totalitario monoblocco sceglitutto. Il comunismo non ha resistito alla prova sperimentale, la Mano Invisibile è allo stesso modo pura merda d’iguana ed è stato dimostrato scientificamente in teoria dei giochi.

E ora si arriva alla storia del Minnesota, che credo immagino suppongo sia sull’onda lunga della crisi dei subprime. Ancora una volta, gli alti sacerdoti del Libero Mercato dicono che no, non si può limitare la libertà con un intervento statale sbroc sbroc. E con loro pure cittadini comuni che la pensano uguale perché ideologizzati. Quando la ragione vorrebbe una sana ristrutturazione, e l’ideologia (associata a malafede) un’altra, è molto probabile che la spunti la seconda: ai soliti noti dà soldi e potere, ai poveracci l’illusione. Anche perché con la rapidità con cui girano le informazioni oggi, cioè istantanea, e i tipi di fondi a rischio con scommessa tripla carpiata, le possibilità di fare danni enormi con la certezza di beccarsi al massimo una Rampogna Solenne dal presidente e una cospicua buonuscita sono molto alte. Ai tempi di Randolph e Mortimer Duke bisognava incontrare un Clarence Beeks che ti portava i dati del raccolto arance per poter iniziare una speculazione in piena regola all’apertura della borsa. Oggi con la tecnologia che abbiamo, gli aggiornamenti in tempo reale etc., un gioco in borsa fra brokersz può tradursi in economia incenerita per uno stato a miliardoni di km di distanza. Non so quando la finanza abbia preso il sopravvento sull’economia produttiva, ma ora basta. Fanculo ai finanzieri, sbatteteli nella cella più bassa della prigione più altra e integrate i codici penali di tutto il mondo coi reati di irresponabilità finanziaria. Se poi si preferisse vietare del tutto ‘ste robe anche meglio, eh.

Credo sarebbe il miglior passo avanti possibile, oggi. Non le grottesche minchiate localiste e decresciste dei Grilli e dei Movimenti Zeri (tutti branchi di coglioni), nè rivoluzioni o apocalissi prossime venture che tanto piacciono a tutti quelli che, pur essendo magari atei, sentono insopprimibili sensi di colpa e ne vogliono una per espiare e dire “ve l’avevo detto!!1!”. Imbecilli…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: