Premessa: la rubrica delle Pellicole Decrittate tratta solo ed esclusivamente di film mai guardati. Si basa sull’assunto che, da pochi elementi tratti dalla cartella stampa (trama, attori, produzione, nazionalità, sponsorizzazione) sia possibile a priori stabilirne pregi e difetti.

Synossi: c’è un sito, Evil Things, che lancia un concorsone bombabbestia. Ma troppo, eh, roba tipo che chi posta le robe più pessime (a insindacabile giudizio del misterioso webmaster detto Master, nome che strizza pure l’occhio al gdr, uhuhu!) vince. L’importante è vincere con cattiverie insomma, kattiverie con la “k” senza freni, ai danni di chiunque. Che si vince? Beh, è tutto un mistero, premio incluso. I quattro vincitori ricevono una mail che gli dice di andare in un paesino, guarda caso pieno di freak e sciagattati da tirarci una bomba, dove qualcuno ovviamente li spia non visto. Qualcuno che, mi sa tanto, è il Master. Che punisce in diretta web i quattro vincitori, colpevoli di efferatezza orridodepilante! Per le kose kattive che hanno fatto! E in maniera proporzionale alla kattiveria!!11!

Morale implycita: ma lo vedi che tempi di merda. Quando noi s’era ragazzetti si andava in giro a giuocare a tombola, o bocce, i più trasgressivi truccavano i motorini e imprecavano, ma finiva lì. Oggi questi giovinastri sono convinti che siccome c’hanno il cellulare e l’interwebs possono fare quello che vogliono, che teste di cazzo. Su interwebs c’è pieno di pazzi satanisti pederasti che ti attirano con gli zuccherini e poi appena ti giri te lo piantano nel tabarèn, speriamo che Don Rullo lo faccia chiudere.

Giudizio finale: secondo alcuni, Cose Cattive e altri film del genere segnano la rinascita prepotente dell’horror italiano. Premesso che l’horror italiano in massima parte faceva vomitare murene e quindi se restava morto era meglio, simili livelli di merdonismo iscritti nel dna di un essere vivente non si erano mai visti. Ma date tempo al tempo, e la nuova trasgregenerescion vi stupirà con golem di merda che fanno i film al posto loro ottenendo gli stessi identici risultati – film di merda.