Premessa: la rubrica delle Pellicole Decrittate tratta solo ed esclusivamente di film mai guardati. Si basa sull’assunto che, da pochi elementi tratti dalla cartella stampa (trama, attori, produzione, nazionalità, sponsorizzazione) sia possibile a priori stabilirne pregi e difetti.

Synossi: in questa pellicola (o pellycola) vediamo tre storie separate. Nella prima abbiamo Anna, androloga colta & laureata nonché affettuosa e sensibile, e Piero, rozzo benzinaio che va già bene se ha fatto la Scuola Radio Elettra e poi tromba come un mandrillaccio a destra e asinistra, alle prese con il tran tran del matrimogno. Quando Piero perde la memoria in un incidente, Anna ne approfitta per trasformarlo nel suo uomo dei sogni, tutto cultura e niente ruti. Nella seconda, Rocco e Michele suonano in una cover band dei Beatles. Entrambi lo fanno all’oscuro delle rispettive compagne e mogli, donne affermate e serie che non capiscono né tollerano che i loro uomini, larve dai lavori umili (bidelluccio e impiegatuccio) abbiano quel minimo sfogo nelle loro vite di merda. Nella terza, i divorziati Maurizio (chirurgo plastico) e Paola (impiegata) fingono di essere ancora una famigliuola felice solo quando vanno a trovare la madre di lui. La vecchiarda, ad un certo punto, ce n’ha più per tre caate, e decide di infliggerle tutte a figliuolo e nuora.

Morale implicita: guarda un po’ in che razza di casini ti mettono sempre di mezzo le donne. E sei un ignorante che pensa solo a trombare, e suoni col finocchiaccio del tuo amico anziché trovarti un lavoro decente, e mi devo sorbire il budello di tu’ ma’ nei suoi ultimi giorni di vita, che già rompe poco i coglioni quando ci andiamo normalmente… e basta! E basta! E dio maiale! Ma non se ne può più! E poi la gente protesta contro le donne oggetto, ma avercele, che almeno sono bòne, si fanno trombare e non scassano il cazzo, altro che queste toghe tutte carriera e serietà!

Giudizio finale: se i fratelli Lumiere avessero saputo che la loro invenzione sarebbe stata usata per questa roba, e se David Wrrrk Grfts avesse anche solo immaginato che le tecniche da lui inventate per narrare una storia cinematograficamente avrebbero avuto un simile impiego, ecco, avremmo avuto tre suicidi in più e ciao ciao settima arte. E dio bestia.