Ebbene sì, mi tocca ammetterlo. E’ scoppiato lo scandalo, l’increscioso scandalo del Merdagate, e io in qualità di Presidente vi sono coinvolto fino in fondo e non posso più tacere. In questi mesi sono stato accusato più d’una volta di collusione, corruzione e contusione, purtuttavia ho tirato avanti per la mia strada conscio di fare, in certa misura e secondo misurazioni fallibili, in quanto umane, e noi sappiamo che la perfezione non è di questo umano mondo, del bene. Bene che, stando ai beninformati, ai cerberi della stampa e agli avvoltoj dei magistrati, sarebbe stato esclusivamente vantaggio personale.

Oggi 14 dicembre 2010 io, Negrodeath, ammetto pubblicamente oggi di aver effettivamente abusato di una posizione di potere, quella di Presidente, per trarne vantaggio & profytto. Le cave di merda naturale rinvenute nelle viscere dei Monti Zibellini erano un piatto ghiotto. Certe aziende di cui la Nostra Avgvstyssima Persona è azionista per interposta persona hanno avuto il piatto servito. E tutto andava a gonfie vele, ahimè, poi c’ha pensato il noto giornalista d’indagine nonché ammaestratore di serpenti part time seppur diplomato Gianni Fulcro a seguire le tracce dei sospetti movimenti di danaro che andavano di pari passo con le cisterne di merda naturale su cui proliferavano le azioni di Engrofant, Zobboront, Bli.A.Bli.O., Nerchiatron che attiravano quindi il ratingsz delle varie agenzie di ratingsz e quindi vai a tutto bordone. Da lì, coi ratingsz e la pioggia di capitali esteri, è stato facile comprarsi un paio di deputati giù al discount, al fine di scrivere e promulgare la legge che ha dato il via allo scandalo, la 231.ter.bis.caz. Tale legge, in base ai poteri conferitimi dalla legge 31.ctrl.alt.canc. da me personalmente stesa e approvata in precedenza, consente a chi occupa posizioni di potere la facoltà di incamerare bitume cronomantico, purché regolarmente condonato dalla Nike di Samotracia (la marca, non la statua) e vidimato dal Presidente, che dunque essendo in quel momento io stesso Presidente, nonché maggior azionista della Nike di Samotracia, ero pure esclusivo titolare per procura dei terreni comprendenti i Monti Zibellini. Ah, purtroppo lo scaltro e astvto Fulcro mi ha rotto le uova nel paniere (nonché i coglioni, a dirla tutta, ma per educazione non lo dirò), e dunque tradito fui dalla mia stessa ingordigia. Ora son saltati fuori i nomi di tutte le persone coinvolte nel Merdagate, e quindi essendo io l’unica persona contemporaneamente dotata dei poteri di avviare e fermare il Merdagate stesso, scrive il Fulcro sul suo voluminoso dossier allegato a Il Groenlandese di questa settimana, non posso che esserne causa ultima e motore primo.

Ebbene, darò le dimissioni per confermare le mie doti di integrità, rettitudine, virtù, fortezza e moralità, quelle doti che mi hanno reso vostro Presidente. Però non posso tacere su come la contrapposizione fra gli articoli di legge là sopra citati risponda ad un principio dualistico su cui si regge, almeno in parte, la struttura stessa dello spazio-tempo. Le due leggi da me promulgate sono inconoscibili ad essere umano nello stesso momento, perché conoscere l’una comporta l’impossibilità logica di conoscere l’altra, dunque sono state promulgate l’una all’oscuro dell’altra, pur se dalla stessa persona il qui presente Presidente Negrodeath, e dunque la volontà di far del male e di approfittare delle cave di merda naturale scoperte nei Monti Zibellini è fatto puramente accessorio ed indimostrabile sulla semplice base del possesso delle principali aziende che fanno affari sulla merda e all’estensione e promulgazione delle leggi. Detta volontà si configura quindi, è evidente, come mero accadimento accessorio, laterale, quasi insignificante, soprattutto di fronte alla vastità del Cosmo.

Queste dimissioni sono, seguendo la logica testé esposta per spiegare la non-sussistenza dell’ipotesi di volontà e protervia nel reato, del tutto immotivate. Ma sappiamo che la Vita è Ingiusta, ed è stata definita tale anche nei verbali del processo, in cui si dice che “per svolgere il lavoro all’interno delle cave venivano reclutati negri extracomunitari al nero in regime di inadempienza fiscale volontaria, sottoposti loro malgrado ad una vita ingiusta e grama con la speranza di un permesso di soggiorno. Una vita ingiusta, perché il semplice fatto che il Presidente si goda i proventi della merda mentre questi poveri negri extracomunitari debbano piallarsi il culo, scusate, per lui è la dimostrazione dell’ingiustizia della vita. E dunque sia messo a verbale: la Vita è Ingiusta!”

Per riparare in parte alle ingiustizie della vita, siccome è appurato dunque che la Vita è Ingiusta, ho deciso come ultimo atto di contribuire alla giustizia (inversamente proporzionale alla vita, come il verbale stesso sancisce) mediante l’esecuzione arbitraria ed immediata di tutti i miei colleghi, rivali, accusatori e fiancheggiatori. Il che mi rende l’unico possibile Presidente, visto che tutti gli altri candidati sono, ahimè, deceduti per lasciar spazio ad una maggiore Giustizia. Sono commosso delle mie superbe e virtuose azioni. Vi saluto con rinnovato impegno.

Il vs.
Presidente Negrodeath.