Recensioni di bloggerz

Comé come non è insomma, in questo fine settimana finisce che ho incontrato qualche bloggerz, qualcuno nuovo, qualcuno no, tutti negri. E stato divertente, eh, anche perché dal vivo siamo tutti fighissimi e intelligentissimi, mentre onlainz non viene fuori quel che abbiamo fuori, ma solo quel che abbiamo dentro: la merda (o al limite le scuregge). Una rapida carrellata:

Isa71: occhi azzurri, un che di Annie Lennox, ci si legge da un bel po di teNpo ma pur abitando nella stessa città non ci si era mai incontrati prima. Finalmente, la cosa è avvenuta in quel di questa presentazione. Chiacchiere e rise a volontà con ottimi stuzzichini e roba da bere. Direi che meglio di così non si può, quandè che si fa il bisse?

Abito Parole: nel contesto della presentazione di cui sopra spiccava per due caratteristiche molto pronunziate. La prima è che il libro presentato era il suo, la seconda è la veronesità – unico forestiero in un consesso di viareggini marci. Direi che sé ambientato bene però, dai!

Viareggina
: lettrice di brani del libro presentato, nonché editrice del medesimo, la Viareggina che mai avevo visto in vita mia scopro che è, da poco tempo, mia vicina di casa. E questo perché io, di tutte le strade in cui potevo trasferirmi, sono andato nella sua. E poi suo marito lì presente conosce da una vita ammiocuggino, pensa te. Che altro dire? Carrrrrrrrrramba!

Riccardo Mazzoni: teatrante e studioso di folklore versiliese, impegnato nella riscoperta di tradizioni locali dimenticate e reinterpretazioni teatrale delle stesse nei luoghi originali (ove possibile). Il che mi ha incuriosito, le prossimo volte cerco di partecipare.

Elvezio Sciallis: Elvis è come ve lo immaginata, cioé emo fino al midollo. Il perché è presto detto: si va in una birreria cinghialeria grezzeria e lui è un veggie. Siccome gli emo sono veggie, Elvezio è emo. In effetti bastava guardare le sue foto con frangetta, mascara e maglietta dei My Chemical Romance per rendersene conto.

Astrosio: vecchia conoscenza, dunque non ne parlo, tanto lo sapete tutti che è negro. Però mi ha messo una pulce nellorecchio, ovvero ascoltare i Fucked Up. Ascoltare i Fucked Up. Ascoltare i Fucked Up. Ascoltare i…

Poi fuori dalla stazione di Milano cerano gli sgommotroni che protestavano contro la TAV, inaugurata sabato. Avrei voglia di coprirli di napalm, ma adesso mi fa fatica, ci penserò domani (forse).

O revuàr! <!– –>