Connessioni connettenti (forse)

Io avevo pensato di corredare questo post con unimmagine ironica sul fatto che i fascisti son tutti ghei latenti, perché son talmente fissati con lo spirito di gruppo, il mento deciso, il petto villoso, lamicizia virile fra pari, tutti insieme al servizio di etc. etc., che la mente mi volava dritta a "Y.M.C.A.", immortale pezzo dei Village People. Avevo fatto unimmagine grosso modo identica a questa:

Ma poi ho deciso di lasciar perdere, era troppo laboriosa e non lho pubblicata. Intanto volevo solo continuare un attimo sulla linea del post precedente, perché ci sono altre due o tre considerazioni postume da fare.

Bellambientino, lavete arredato voi?



Fa notare, Uriel, una cosa che io avevo appena accennato: il contesto di perfetta tranquillità in cui i cinque pestatori vivevano. Il fatto che manifestassero tranquillamente il loro essere nazifascidimmerda, con tanto di svastiche, stampa propagandistica e negazionista, cimeli predappiani etc. in camera, non impensieriva minimamente i genitori. Tutto ordinario, normale – simili idee, in quel di Verona, sono diffuse, si respirano nellaria, hanno il loro bel posto nella vita pubblica e non sembra scatenino molta avversione. Del resto proprio lì cé il Veneto Fronte Skinhead che di casini ne ha fatti un bel po. Del resto proprio lì cé la tifoseria che inveiva contro i giocatori della propria squadra, se negri. E allora, dato il brodo di coltura, non cé da stupirsi troppo. Lanomalia è lesito, cioè lomicidio, non la catena di motivi che ha portato fin lì.

Capri espiatori

I media mainstream hanno cercato subito capri espiatori esterni e improbabili. Un amico mi ha detto che ieri in tv, su La7, un sindaco leggeva un passo di un libro di Moccia in cui avviene una rissa, portandolo ad esempio di cultura degradata che rovina i giovani. E giù pernacchie, davvero, non so che altri commenti si possano fare per queste stronzate. Per certi versi, tiro anche un sospiro di sollievo: niente death metal, niente pornografia, niente di fantascientifico o horror, no, solo ladolescienzialesco Moccia. Un bel passo avanti – è da una vita che spero di sentire che, non so, Mino Reitano istiga alla violenza perché un killer ne aveva un disco in casa. La rimozione dallorizzonte della panoplia nazifascista, stavolta, non avviene per dissoluzione nellambiente circostante, come si diceva sopra, ma per adozione del primo capro espiatorio che passava di lì: "questa roba terrificante che leggono i giovani degradati senza valori". Frase che andrebbe bene per testi negazionisti, volendo, mica per i libri stile 3MSC. Alla luce di tutto questo, è curioso come molti neofascisti si sentano sempre perseguitati per le loro idee, quando invece si preferisce citare Moccia e isolare i cinque come dei balordi deviati, minimizzando la loro appartenenza a certi giri la cui pericolosità è stata sperimentalmente evidenziata in molte occasioni. Ma voi, foste davvero senza scheletri nellarmadio come dite, vi muovereste per bloccare il documentario "Nazirock"?

Il gioco della bandiera
Poi cé Fini che spara la sua stronzata, che vabbeh povero Nicola ma è più grave bruciare delle bandiere perché è un atto politico contro Israele. Allinizio non ci avevo fatto caso, ma si tratta di un salto della cavallina con triplo avvitamento carpiato e handicap, dove la cavallina è il concetto dellAntisemitismo, latleta è Fini, e lhandicap una pesante zavorra sulle spalle, tipo uno zaino da campeggio pieno di tondini di ghisa. La zavorra è tutto ciò che sommariamente rientra sotto letichetta "Fascismo". Dico "tutto ciò che sommariamente" non a caso, perché il Fascismo si distingue da altri orrori novecenteschi come Nazismo e Comunismo per un fattore fondamentale: è un fenomeno italiano, dunque cialtrone. Il Nazismo e il Comunismo sono monoliti perfetti, dal punto di vista ideologico, estetico, gadgettistico, propagandistico etc. etc. Il loro rifiuto, quando avviene, avviene in blocco – per questo, ad esempio, in Germania i neonazi sono una frangia di mentecatti emarginati. Viceversa il fascismo è nebuloso, perché non è altro che campanilismo in divisa eletto a sistema. I villici si radunano intorno al campanile, si contano, ascoltano le arringhe del contadino che parla più forte, e prendono a pedate quelli che stanno fuori dalla conta. Questo permette ad ognuno di vederci quel che vuole, di operare una rimozione selettiva degli aspetti che non gli piacciono, di rimpiangere-favoleggiare quei tempi della bonifica delle paludi, dei treni in orario, dello stato sociale, e almeno cera ordine e non era pieno di negri.

La conclusione, cui subdolamente si vuole arrivare, non può che essere una sola: le leggi razziali sono state lunico vero neo del ventennio, e poi erano dovute allalleanza con Hitler che Mussolini, fine statista, strinse solo per assenza di alternative.

Purgare il Fascismo dallAntisemitismo per riabilitarlo agli occhi del pubblico (che è razzista, ma non vuole ammetterlo e anzi vuole passare da civile e tollerante), è abbastanza speculare al travaglio di Bertinotti allindomani del crollo del muro: "la vita nel blocco est si è rivelata una merda, ma per tenerci i voti manteniamo i simboli identitari e Rifondiamo (in ottica capitalliberista)". Ahahah, le rise. LEuropa è sempre stata antisemita, lantisemitismo è pure tratto unificante rossobruno, ma istituzionalmente non va bene perché era pure un tratto fondamentale del monolite-Nazismo. Il gioco della bandiera coinvolge questi due schieramenti: uno è quello istituzionale, recentemente riempito di fascisti dichiarati, che per riabilitare il passato devono purgarlo delle leggi razziali; laltro è quello dei residuati settantisti che stabiliscono una parte come unica vittima (Palestina) e laltra come unico colpevole (Israele), e da lì partono con riti e macumbe, per esercitare lantisemitismo travestito da antisionismo in funzione antiistituzionale. I primi salvaguardano la bandiera che i secondi vogliono bruciare; entrambi paiono bimbi scemi.

(foto: Daphne Rosen, felice esportazione dalla terra di David)

Farei notare che la Palestina non ha mai esportate una Daphne Rosen, e neppure un Gene Simmons, quindi qualche problema a rapportarsi col mondo ce lha.

Schizophrenia

Tirando le somme abbiamo il ritratto di una società schizofrenica. Per ancestrali complessi di colpa (credo dovuti allignominia dellalleanza con Hitler, ma tiro un po a indovinare) si vuole una sorta di fascismo soft, cioè divieto assoluto di antisemitismo istituzionale e toni mediamente più blandi, anche perché i tempi sono molto cambiati e bla bla bla. Quando la gente si è sentita minacciata (e non perché è stupida e si è fatta irretire da abberlusconi, Compagno Commissario – un problema esiste), la sedicente ala progressista ha risposto con le ben note cazzate, finendo così spazzata via dalla rozza concretezza leghista. Ecco aggressioni e ronde padane, un generale clima di insicurezza e insofferenza verso gli stranieri, la richiesta silenziosa di uno stato forte che aiuti solo ed esclusivamente i Suoi, linvocazione di un fantasma che si spera torni a galla opportunamento Rifondato secondo le modalità della cura Bertinotti, e poi aggiungerei varie altre cose che dice Aramcheck qui e qui. Un quadretto confuso per bene!

Voglio solo dire una cosa: una Rifondazione Fascista sarebbe solo uno specchietto per le allodole come la controparte Comunista. Un agitare di simboli, riassumibili alla fine nel "Italia agli italiani e basta, capito negro?", per il raccattaggio voti. Che so, magari più avanti fondano il PSA, Partito Socialista Autoritario, ahahaha! Pensate un po: abberlusconi, se finisce incolume la legislatura, avrà settantacinque anni nel 2013. Ogni suo reato sarà caduto in prescrizione, dunque potrà ritirarsi tranquillo dalla scena. Fini ne è il più logico successore in veste di leader di dx. E dunque passerà questi cinque anni a costruirsi una nuova immagine, iniziando dallabiura dellantisemitismo. Potrebbe essere la chiave di tutta sta pappardella di post. Anzi, lo è, mi va così.

Orsù, gioite: nel 2013, Fini si candiderà con una nuova gimmick! <!– –>