Celebrazioni ritardatarie

Il 7/7/7 non è stato solo il giorno dellEvoluscion Festival. Non è neppure importante che sia [1/1/1]mod6/6/6, caso mai interessasse a qualcuno (a me no). No. E stato il centenario della nascita di quel granduomo chiamato Robert Anson Heinlein, e io tra una cosa e laltra non ho scritto un cazzo. Però non mi va di lasciar perdere solo per qualche giorno di ritardo, perché qui RAH è sempre stato di casa. Non ho ovviamente mai avuto occasione di incontrarlo, ci mancherebbe, però sapete comé – si sviluppa un particolare affetto verso quegli artisti che ti colpiscono a fondo. Bene, Robert nacque il sette luglio del 1907 a Butler, Missouri (USA), e proprio là si celebra lanniversario,  in una grande convention.

Concludo con le belle parole di un altro grande, Philip K. Dick.

"Alla convention ho potuto finalmente coronare un sogno: ho conosciuto Robert Heinlein. Considero Heinlein mio padre spirituale, anche se le nostre ideologie politiche sono completamente diverse. Diversi anni fa, quando ero ammalato, Heinlein mi offrì il suo aiuto, qualunque cosa potesse fare, e non ci eravamo mai incontrati. Mi telefonava per tirarmi su di morale e sapere come stavo. Volle comprarmi una macchina da scrivere elettrica, che Dio lo benedica… uno dei pochi veri gentiluomini di questo mondo. Non sono daccordo con nessuna delle idee che esprime nei suoi scritti, ma non ha alcuna importanza. Una volta, quando dovevo al fisco un sacco di soldi e non riuscivo a trovarli, Heinlein me li prestò.
Sa che sono uno sballato fuori di testa ma ha aiutato ugualmente me e mia moglie quando eravamo nei guai. È questo quanto cè di meglio nellumanità, e sono queste le persone e le cose che amo".
<!– –>