Ha funzionato, ha funzionato!!!

Parlo del post precedente. Leggetelo, e poi clickate qui. Cioè, non so se rendo. Potrei fare un post serioso e ricco di filosofemi sullautoreferenzialità di internet, ma in realtà sarebbe più interessante un post che discuta del termine "autoreferenzialità" e di come venga usato a cazzo. Un po come lorrendo "sdoganare". Ma sdoganati lautoreferenzialità, brutta testa di bomba! Fortuna vuole che non abbia la minima voglia di cimentarmi nellimpresa.
Mi riprometto di rispondere alla catena dellamyca Dolceribelle, quella sui libbbri, e concludo con una segnalazione: è uscito "Snakes And Arrows", il nuovo disco dei Rush. Ed è veramente bello, tanto per cambiare. E conferma che Geddy, Alex e Neil sono i dinosauri del rock che sono invecchiati meglio.

Mi piace quel suono compatto ma incredibilmente ricco di sfumature e accostamenti timbreschi fighi, cortesia in particolare dellesimio Lifeson che fa mirabilie stratificate con chitarra elettrica e chitarra acustica a cui si aggiungono belle tastiere del sommo Lee. Il disco oscilla spesso fra raccoglimento e potenza meditata, diversa dallo stile ruvido e spigoloso del precedente, ottimo "Vapor Trails". Certi giochi vocali hanno un gusto un po soul che ci sta divinamente (tipo in "The Larger Bowl"). E poi di sicuro noterò altre cose, col proseguire degli ascolti. Insomma, a parte lo strumentale acustico che era evitabile ma comunque dura poco e non dà fastidio, questo disco conferma che i Rush sono i vecchiardi invecchiati meglio.
Cari Rush, un giorno o laltro vi devo proprio dedicare un post intero.

E a maggio, preaparatevi.
Tornano i Turbonegro.
Titolo dellalbum?
"Retox".
Solo loro avrebbero potuto, solo loro. <!– –>