Il segreto del carro-potta

Alcuni astanti sono rimasti piuttosto sconcertati dal post precedente. Uno per la foto, laltro per la definizione di "carro-potta". In effetti, mi si fa notare, senza essere viareggini certe cose paiono piuttosto incompresibili. Procederò dunque ad uno studio linguistico-ermeneutico-necrofago onde istruire la plebaglia.

Potta: potta è il termine viareggino per indicare la c.d. "topa", che altro non è che lorgano genitale femminile secondo la dizione più usata lungo tutto il litorale toscano. Naturalmente, per metonymia, si può indicare con suddetto termine una donna particolarmente bella e/o attraente.
EseNpio:

Il suddetto eseNplare (Linda Ann Hopkins Shapiro, nella bella photo scattata da Macross), a Viareggio, susciterebbe due reazioni:
1) "che potta!", o varianti, tipo "che popo di potta!" (notare linsistenza sulla syllaba "po"); naturalmente anche "che topa", ma come già detto non è di pertinenza strettamente viareggina.
2) "delafìa, lhai viste propIo, te, le potte… ma te la riordi la mi ugina? Le ha sfilato anche per Carmelo*, che sarà mai leqquì io un no sò!"

Ma "potta" ha pure un altro significato: si usa a livello astratto per identificare larea semantyca della fighettaggine, del darsi arie,  del salire sul piedistallo, di tutto ciò che è "tirarsela".
Quelli che vanno in giro tutti tirati a lvstro, alla moda, con varie dosi di pvzza sotto il naso, che frequentano gli uàin bàr e prendono gli apertiyvi e i sciotkelz, ecco, sono noti in una parola come pottìni.
Quelli che si vestono con sobria eleganza, studiano scienze politiche/della comunicazione/lettere moderne/giurisprudenza, leggono e visionano solo prodotti certificati "cultvra 100%" da qualche Autorità, degvstano vyni, son rifondaroli e magari pure vegetariani, sono pure loro pottìni.
Chi oscilla fra questi due tipi umani, senza mai scendere dal piedistallo, è sempre nel novero dei pottini.
"Pottaiòni"
è uguale.

Declinazioni della pòtta
Per dire una cosa eccessiva, tronfia, esibizionistica, espressioni come "che pottata!", "potta!" e similia sono la prassi. E ora si arriva al Carnevale. Il Carnevale, da noi, ha una valenza mistica. A Carnevale ci sono, oltre che i corsi mascherati della domenica pomeriggio, i quattro carnevali rionali: ogni weekend carnevalaro alcune strade vengono rese pedonali, ci sono bancherelle di roba da mangiare e soprattutto bere, e pieno di gente mascherata e ubriaca che fa casino. Ai viareggini del carnevale piace soprattutto il rione, ma non quello di Torre del Lago perchè in effetti fa caà.

(sopra: scene dal Rione Darsena 2007)
Quel che ha reso Viareggio la città del miglior carnevale del mondo (o se non altro meglio di quello di Venezia, che è una pottata), sono i carri di cartapesta, gli enormi carri allegoryci che potete vedere in tv. I carri sono solitamente satirici, non di rado volgari e gnoranti – siamo toscani o no?
Questa maschera isolata, "Marcello lhippie", è innocua ma rende lidea dello spirito:

Qui sotto vediamo il carro che ha vinto (peccato che il tempo facesse cagare e sembri tutto più cupo di quel che è), cliccate per un ingrandimento:

(foto: Luca Dea)
Lo spirito lavrete inteso, insomma. Orbene, cè Gionata Francesconi. Da anni un rinomato carrista di prima categoria, si è ultimamente intestardito a fare carri belli, ok, pure diversi dal solito, ma intrisi di una certa qual spocchia, come dire "io non son mica come voialtri, tutti grezzaggine e rena" – nel 2005 il suo carro era pieno di riferimenti a De Chirico, lo scorso anno a Pulcinella e al teatro napoletano, questanno a qualche Teatro in Maschera di Qualche Nazione (riporto la solita foto):

Insomma, bravo eh, con tanto di scritte & musiche in tema. Ma come innovazione preferisco quella fatta dal trio Galli-Lebigre-Lebigre.
E dunque, alla luce di tutto questo, non è il caso di definire carro-potta il carro di Francesconi? Si che lo è, via.


* Carmelo è un celebre banco del mercato che vende un sacco di roba a prostitute & tranz. Cha un sacco di robetta sfiziosa (alcuni dicono "da majala", secondo la vulgata viareggina).
<!– –>