Il terrorismo corre sul filo del machete

La notizia è di pochi giorni fa: sgominata una cellula delle Brigate Rosse, il nostro terrorismo d.o.p., quelli di Aldo Moro, lorganizzazione che bla bla bla lo sapete tutti. Lorganizzazione che pare sempre più simile alla S.P.E.C.T.R.E., che ha tenuto banco su mille trasmissioni noiose di seconda serata per poi sparire completamente dallaere nel volgere di poche ore. Pare che fosse pronto un attentato contro Berlusconi. Dice nel mirino ci fosse Vittorio Feltri. E pure qualche altro esponente della destra varia. Il che porta ad alcune semplice considerazioni, sulla base di un paio di ipotesi.

Ipotesi 1: cera effettivamente una cellula brigatista che aveva preparato gli attentati.

Non posso fare a meno di dire, a costoro: coglioni. Se davvero è così, qui si parla di gente che ancora crede allOperaismo Mitologico, alla Lotta di Classe, allAzione Estrema per Smuovere le Coscienze… si parla di gente rimasta indietro di 2700 anni, quando invece il mondo è cambiato, il Sistema è cambiato, il nemico è un altro. Sti imbecilli stanno ancora giocando alla Stella della Senna e al Tulipano Nero quando tutti gli altri si sono già stufati dei Pokemon, e da un pezzo. Non è ammissibile al giorno doggi intraprendere unazione dimostrativa (credo le chiamassero così) sulla base delle solite vecchie premesse incancrenite, e prendere come bersagli quelli che hanno le sembianze del nemico di una volta. Capito? DI UNA VOLTA!! Perchè unorganizzazione terroristica che volesse muovere attentati al Sistema di oggi, un sistema fittamente interconnesso e molto legato alla finanza estera, avrebbe dovuto colpire il FMI, o la Banca Centrale, la Banca Mondiale, la Banca Intesa, la Banca Paperiniki che volente, ma in ogni caso sono questi i poteri forti cui il politicame dannoso fa capo. Quelli direttamente legati alle operazioni finanziarie che stanno alla base della devastazione planetaria e di tutte queste altre cose che, ingenuamente, pensavo dovessero stare molto a cuore a terroristi doccidente. E invece gli idioti pensano ancora al Risveglio del Leviatano (il Proletariato, ente ormai metafisico e idealizzato). Magari si aspettano le calate di contadini armati di falce e martello, non so. Insomma: coglioni, patetici e nati morti. Erano concetti già superati negli anni 70, maremma boja! Oggi sembra un gioco di ruolo dal vivo finito male. Ahah, ridiamo degli idioti, vai, che è sempre divertente.

Ipotesi 2: è sostanzialmente un colpo di teatro.

Ci sta che sia anche così: ovvero, una manovra sponsorizzata per far vedere che lo stato è saldo e sicuro, eh, mica cazzi di capodoglio. Una manovra per riaccaparrare fiducia, chi lo sa. Avrebbero, le forze dellordine sotto la guida dellattuale governo, salvato la pelle a esponenti dellopposizione – vedi, un governo che si prende cura, vedi! Se così fosse, ci sarebbe poco da dire: probabilmente in qualche Cremlino di paese un gruppo di esaltati stava organizzando cose da tempo, la pula li teneva docchio e ha scelto un momento topico per intervenire e suscitare un gran clamore. Ci sta che in questo modo siano passate sottogamba cose importantissime, cose che era necessario tappare per bene. Questa pagggina di Repubblica riporta discorsi da bar del politicame versicolore, che sostanzialmente dice che è necessario riunire il popolo contro il malvagio terrorismo – poi ci sono varie scontate punzecchiature che una parte fa allaltra, perchè il canovaccio lo prevede. Ergo, nulla di nuovo e un gran sacco di stronzate.

Via che mi sono rotto, come al solito.
Sostengo sempre che bisognerebbe superare lesauritissima dialettica dx vs sx, e tutto larmamentario di miti e leggende che si porta dietro, dal Liberismo allo Statalismo allattesa della Grande Rivoluzione. Tutto. Ma sono miti, il mito è potentissimo, e suggestiona. E in base al mito, a cui vogliamo credere, si filtra il resto. <!– –>