Egypt (The Chains Are On)

Solitamente odio le catene di S. Antonio, ma stavolta mi ha chiamato in ballo Ganimede e non me la sento di ignorare la sua chiamata. Sbandiererò in questo modo un casino di cazzi miei, anche intimi, e così mi renderò un po più umano al casual lettore che certamente si chiede se esiste altro, al di là dellalterygia e della svpponenza. Queste le risposte.

1) No. Sono dellidea che simili situazioni comportino presa di coscienza e responsabilità. Altrimenti sarà labysso a guardare dentro di te, e dopo non ti resterà altro che dedicare il resto della tua vita allautopsie delle lamprede.
2) Interessante. Ma pur con tutta la buona volontà e la disponibilità verso il prossimo, rivendico lautonomia intellettuale e il laborìo folle e disperatissimo della mia vita dartista. Ognuno di noi è artista, geniale e incompreso, per il semplice fatto che la fruizione determina il valore. Concedere alle voglie del fruitore è un condizionamento che si propaga sul fruito, e dunque il cerchio diventa senza fine. Perchè larte alla fine la crea il pubblico, lartista è solo un tramite, seguendo questo ragionamento. Roba plebea, invero.
3) Si, è unesperienza che di sicuro mi ha migliorato. Ora non sono più legato così tanto a certi canoni consunti, certi schemi desueti, certe cotenne sfatte di pensiero debole e annebbiato. Miglioramento? Certo, e lo debbo di sicuro ai mesi passati in Yucatàn a contare le martore.
4) Di una percentuale irrisoria, e me ne dispiaccio. Ma lelaborazione del lutto dipende da mille fattori contingenti e di volta in volta è diverso. E come un algoritmo non deterministico: per ogni morto, lo stesso algoritmo dà risultati differenti. E dunque, no.
5) Quasi mi offendo, eppure sono sicuro che sia tutto in assoluta buona fede. Ancora una volta sacro e profano sono la scaturigine dei gusci di paguro che incrostano le volute del pensiero umanista, eppure io non ho MAI voluto niente di tutto questo, MAI. Nè in famiglia sono mai stato spinto in questa direzione, come è capitato a troppi altri sfortunati.
6) E da tantissimo che non mi succede, lultima volta è stata quando ho battuto Pinochet a tombola.
7) Piena? Direi di si. E una delle mie poche certezze. Mi batto per questo, e per il mondo intero. Per renderlo come me, e quindi migliore.

Bene, passo il testimonio a Il Maniaco, Bel-Satàn, SiNposio, Tarrasque e FenicotteroAPile. <!– –>